Mi chiedo a questo punto cosa sia il mondo, se non la conseguenza e la proiezione di un disegno ideale, sgombro da tutti quei criteri soggettivi che danno luogo a una visione tremolante, come quella di una pellicola cinematografica fatta scorrere troppo lentamente…

E l’ispirazione e la misura che la governa un territorio intravisto, forse irraggiungibile, idoneo a smantellare questa struttura e costruirne una che non richieda, come attori indispensabili, le vittime e i carnefici…

Mi chiedo a questo punto cosa sia l’esistenza, se non il film di una vita vista al centro di una prospettiva distorta, con un piccolo portone a doppia anta che doveva aprirsi sulle scale che portavano al piano superiore rovinato dall’umidità e dal tempo…

Così la vera storia non sarà la cronaca dei fatti, ma la storia delle nostre resistenze al caso, del nostro aver combattuto per non voler trovare la morte, e criticato nel mentre che vivevamo i fatti che ci accadevano…

 

                                                                                              Grazie,

                                                                                                  RaffaPa