Come una Risata in una Notte D’Inverno

A partire da quel buio assoluto, che apre la notte e non sembra finire mai, che ci riporta in uno stato della mente in cui non esiste strada e quindi tutte sono ancora possibili. Una direzione che precede la nostra capacità di comprensione razionale, che ha l’ambizione di rovesciare il personaggio, di evocare il cammino destinato a ripetersi e superarsi nella possibilità infinita di dare una forma al giorno in cui transitiamo…

Non riescono a definirli in alcun modo, hanno le forme delle nuvole. Sconosciuti senza bisogni, stranieri che si sentono a casa ovunque, e partono alla volta del futuro. Sorpassano il limite della realtà, raggiungono altezze siderali e rimangono appiccicati alla terra. Sempre in ritardo su tutto e ancora in tempo per qualsiasi cosa. Liberi dalle impurità toccano apici in grado di cambiare i nostri automatismi culturali che castrano le possibilità e sommergono il coraggio…

Una visione fatta di sola visione, che ci aiuta a capire quanto sia pieno quel vuoto quotidiano se usciamo dalla corsa lineare, consolatoria, e applichiamo un significato diverso all’esistenza. Un altro modo di vedere e sentire, che chiama a raccolta le idee migliori per farle scivolare in un proposito dove non si è più raggirabili, controllabili, ricattabili. Una parte del tutto inestricabilmente legata l’una all’altro che mostra fiducia contemporaneamente nel congedo e nel debutto. Come se ci fosse dentro l’ebbrezza dell’eterno presente uno scintillio invisibile che ci unisce e ci nutre, aiutandoci a crescere, a darci vita…  

C’è un principio perpetuo insito nello spirito umano che consiste nell’amare un tempo assente. E’ il diritto dell’uomo di rifiutare il mondo così com’è. E’ la resistenza della persona umana che si rifiuta di diventare cosa, e vuole restare persona. Che viva e prosperi quel salto di qualità nella storia che ci porta a rifondare la ragione su nuove premesse. Non è né giorno né notte, è la luce del sogno e della complicità. Abita qui accanto. Dove noi siamo differenti e tutti gli altri ci sono simili…

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *