5 Aprile 2021

5 Aprile 2021  Presa di posizione di elettricità cosciente. Quando la precarietà ingiuria il tempo umano, non si cammina più. Si striscia. Così tanto che preferisco la repressione, al falso. Essere spettatore della mia stessa caduta. Nessuno ha capito. Il silenzio incoraggia, più che far male. Una lingua universale. Quella dei bambini prima di parlare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *