Il Sogno del giorno: 24 dicembre 2023

Tra colpi d’occhio e colpi di vento siamo arrivati al giorno degli auguri. Sembra lontanissimo quell’otto marzo 2021, quando tutto cominciò. Da allora non abbiamo saltato un giorno…

La musica di sottofondo è malinconica: meglio se ti stancavi. Ma questo scendere dalla giostra che continua a girare mi dà probabilmente una chiave di comprensione: bisogna smettere di essere umani per continuare a essere umani…

Ma aver ragione in questo mondo deturpato, incanalato e immemore è il modo più sicuro di aver torto. Nei giorni delle feste si diranno delle falsità atroci. Ma questo già succede tutti i giorni…

Niente di drammatico, nessuna forza del destino, alcuna lacerazione o frattura. Le jardin reste ouvert pour ceux qui l’ont aimè, diceva uno di Neuilly. Come faremo? Forse faremo…

 

N.B. Il peggior nemico del desiderio è un giorno trascorso senza desiderare, non uno in cui si è desiderato troppo. Un abbraccio alla sostenitrice e al sostenitore di eritArt.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *