Il Sogno del giorno: 19 gennaio 2024

Venerdì è davvero incantevole darsi in preda a quest’inchiostro caldo d’alba livida che fa del tempo un essere visionario e differente. Dove la terra sa offrirsi senza alcun orizzonte e il cielo copre una vastità senza riferimento, il sole sorge insolito, e la notte sposta le insidie che i bambini temono nascoste nel buio…

Mi rendi visibile ciò che è invisibile. Questo mi piace di te. Se sono di fronte al tuo corpo nudo, non è una realtà fisica. E’ la visibilità della bellezza attraverso la singolarità della forma sensibile. La rappresentazione di qualcosa che non ha immagine. E questa “non immagine”, è quello che mi rimane di te. Introdurre davanti a un pubblico collettivo una forma esteriore dei possibili rapporti umani. Presentare all’umanità una figura dell’umanità attraverso la mediazione di una finzione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *