Il Sogno del giorno: 17 gennaio 2024

Mercoledì amava il vento quando raddoppiava la sua forza e rovesciava le stelle. L’amava di rispetto e d’amicizia. Nei suoi occhi vi erano paesaggi e lune e danzava fra le sue dita. L’ha confuso con un mare di cose. Una scia di pensieri nati nelle lontananze della sua vita. Prima di ogni cosa. Prima del buio. Prima della luce. Figli di una malintesa indulgenza, eccessiva e colpevole. Voleva avere in testa molte direzioni e, più di tutti i sogni, la sua trasparenza. Ora privo di verecondia va, spinto da uno sprazzo di umanità ingiallita dall’attesa. Ubriaco di sfumature freme d’ira nel labirinto del denaro. Mentre donne e uomini dormono abbracciati alle loro ricchezze…

Affinché la parola irrighi l’ampio deserto umano e il vento sferzi la cortina muta…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *