Fino al mare

Peter Biermann

Nel mio sogno, come in molti sogni precedenti, ho vagato attraverso foreste e prati, ho scalato le cime delle montagne e infine ho camminato fino al mare dove ho riposato. Dopo un po’, ho notato che una piccola palla rossa grande come una palla da tennis si trovava accanto a me. Non riuscivo a capire se fosse stata lì prima o chi l’avesse messa lì. Ho preso la palla e ho notato un’iscrizione in lettere bianche scritta in una lingua a me sconosciuta. Tuttavia, ho capito cosa c’era scritto sulla palla: ‘Una nuova parola per l’amore’ e sotto c’era una parola che ora non ricordo ma che avevo capito nel sogno. Ho messo via la palla e ho continuato la mia passeggiata.

Dopo un po’ ho incontrato una giovane donna alla quale ho mostrato la palla e le ho detto che conoscevo una nuova parola per l’amore. Ha solo scosso la testa per lo stupore ed è corsa via ridendo. L’ho incontrata di nuovo nel posto successivo, dove era in piedi in un cerchio di suoi amici, dovevano aspettarmi, povero pazzo, ed era ovvio che si stavano prendendo gioco di me. Il più velocemente possibile, ho lasciato il villaggio dietro di me.

Più tardi ho notato un cane di taglia media che trotterellava accanto a me, ovviamente un randagio come me. Ho tirato fuori la palla e l’ho lanciata al cane, che l’ha afferrata felicemente, poi ha rimesso la palla ai miei piedi. Non ho capito cosa voleva e ho lasciato la palla. Dopo essere rimasti a guardarci per un po’, il cane ha preso la palla in bocca e abbiamo continuato la nostra passeggiata.

Nel villaggio successivo abbiamo incontrato un bambino piccolo che si occupava di noi. Non posso dire se era un maschio o una femmina. Il cane corse dal bambino che prese la palla e la lanciò in un prato. Il cane ha inseguito la palla e l’ha riportata al bambino. I due continuarono questo gioco per un po’. Li ho guardati e ho sentito le risate felici del bambino e l’abbaiare felice del cane.

Ora capivo cosa significava questa nuova parola d’amore e che ne avremmo avuto disperatamente bisogno.

Quando mi sono svegliato dal sogno avevo le lacrime agli occhi, ma non sentivo tristezza, sentivo qualcosa come sollievo e un tocco di felicità.

Autore: Peter Biermann. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *